Psicodiagnostica infantile - NO ALLO STRESS

Vai ai contenuti

Menu principale:

La valutazione psicodiagnostica in età evolutiva

La diagnosi psicologia infantile viene effettuata quando è necessario approfondire e conoscere eventuali difficoltà e disagi che i bambini attraversano dai quattro anni in poi, tipicamente in alcune fasi di "cambiamento" (iniserimento scuola, nascita di un fratellino, trasloco, inizio attività lavorativa della madre, etc) e per potenziare le loro risorse e capacità nell'affrontare tali situazioni.
Nell'età evolutiva i principali disagi che un bambino può presentare sono:
  • Disturbi nel Comportamento Alimentare
  • Disturbi Specifici dell'Apprendimento (dislessia, discalculia, disgrafia)
  • Disturbo Oppositivo Provocatorio
  • Disturbo della Condotta
  • Disturbi del ritmo sonno-veglia
  • Ansia da separazione
  • Ansia generalizzata
  • Disturbo dello Spettro Autistico
  • Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività
  • ........

La valutazione psicodiagnostica infantile e' quindi un processo di esplorazione in cui e’ utilizzata una serie di procedure per comprendere un bambino o un adolescente e per formulare e valutare le strategie di intervento. la valutazione comprende:
  • colloquio clinico
  • somministrazione di test: di personalità, reattivi grafici, tematici, abilità cognitive, problematiche specifiche.
  • osservazione
  • valutazione dei fattori protettivi (variabili che possono avere un effetto diretto sulla probabilita' di non incorrere in problemi comportamentali, mediando tra i fattori di rischio e comportamento in situazione di stress) , delle risorse individuali-familiari-sociali, delle sue capacità di coping e resilienza (flessibilità nel fronteggiare lo stress e le situazioni ansiogene)

I principali test  impiegati sono quelli grafici (il disegno della figura umana di Machover, il disegno della famiglia di Corman, il disegno dell’albero di Koch, il disegno della persona sotto la pioggia di Fay), quelli intellettivi (Matrici di Raven PM47, Matrici di Raven PM38; test di Bender impiegato nell’analisi delle capacità visuo-spaziali; Goodenough, Schede di Sviluppo di Stycar),  proiettivi strumentali e tematici (Favole della Duss), quelli specifici per aree di disagio (ADHD, DOP, Ansia, etc).

La durata dell’iter psicodiagnostico va dai tre ai cinque incontri e prevede come prima fase il colloquio con i genitori.

 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu