Profumi con gli oli essenziali - NO ALLO STRESS

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Fai da TE
CREARE UN PROFUMO CON GLI OLI ESSENZIALI

Vuoi cambiare profumo ma dove comprarlo? Come fare? Forse l’occasione è buona per sperimentare una fragranza completamente diversa, fatta da te, in base al tuo umore, personalità, preferenze olfattive. E magari farne uno diverso per i componenti della tua famiglia. Puoi allora creare il profumo con gli oli essenziali, sostanze molto concentrate, estratte dalle piante aromatiche e reperibili in erboristeria.

Tutti gli oli sono divisi in note di testa (alte), note di cuore (medie) e note di base (basse), secondo la velocità di evaporazione, come riportato nella PIRAMIDE OLFATTIVA; per creare un profumo bisogna iniziare con un olio di base, aggiungere le note medie e terminare con quelle alte.
Metti in un flacone dapprima le note di testa (oli che hanno un’evaporazione veloce):
arancio, bergamotto, cajeput, canfora, cardamomo, carvi, citronella, cumino, dragoncello, eucalipto, limone, mandarino, menta piperita, petitgrain, pompelmo, verbena
aggiungi le note di cuore (moderatamente volatili):
achillea, alloro, anice, camomilla romana, camomilla blu, coriandolo, finocchio, gelsomino, geranio, issopo, lavanda, melissa, mimosa, mirto, mughetto, neroli, rosa, rosmarino, salvia sclarea, ylang ylang
e termina con le note di base (chiamate anche fissatori perché trattengono il profumo):
angelica, basilico, benzoino, betulla, cannella, legno di cedro, chiodi di garofano, cipresso, elicriso, ginepro, incenso, iperico, legno di rosa, maggiorana, mirra, muschio, noce moscata, origano, patchouli, pepe nero, pino silvestre, sandalo, santoreggia, tea tree, timo, tuberosa, vetiver, zenzero
Aggiungi infine dell’alcool (da 30-60 ml per 20-30 gocce di olio essenziale), agita ed il tuo profumo è pronto, anche se, sebbene possa essere usato subito, è meglio lasciare che gli aromi si combinino completamente prima dell’utilizzo.
PER SAPERNE DI PIU'

AROMATERAPIA, I PROFUMI… TRA MITI E RITI
di Marina

Tratto dal testo: "#èunaltrAvventura, sembra strana… ma la viviamo lo stesso - tecniche naturali per fuggire dallo stress"
di D. Brodesco, L. Galmarini, M. Minafra, L. Viola
2019  Ed. Milligraf

Parlano i profumi… evocano momenti passati, luoghi, persone, situazioni.
Emozionano i profumi… risvegliano memorie, comunicano sentimenti, eccitano fantasie, attivano nuovi comportamenti e nuove forme di pensiero.
Quello del profumo è un fenomeno di costume, perché erbe, essenze ed effluvi hanno sempre intrigato uomini e divinità, hanno avuto ed hanno in tanti parti del mondo perfino una valenza magica.
Uno dei primi atti rituali dell’uomo fu proprio quello di bruciare le piante aromatiche per vedere il fumo salire verso il cielo, in onore della Madre Terra, come invocazione degli spiriti benigni o come preghiera per scacciare spiriti maligni.
Gli aromi, le essenze, i profumi, sono proprio un filo sottile e profumato che unisce storie e tradizioni, un viaggio emozionale all'indietro nel tempo per entrare nello spirito di tanti popoli: gli sciamani ad esempio che, per comunicare con lo spirito guida delle piante ed ottenere così preziose informazioni sul loro utilizzo, entravano in stato di trance.
Oppure, come Cleopatra, che, per sentire attraverso il vento del Nilo le sue fragranze preferite, faceva profumare le vele delle navi egiziane. Gli egizi inoltre facevano largo uso degli aromi per riti magici e religiosi, per la mummificazione e per la profumazione del corpo.
La fragranza di una pianta è in realtà l'olio essenziale della pianta stessa, la sua energia. Ed è proprio questa forza vitale, che, attraverso l’aromaterapia, cioè il trattamento basato sugli oli essenziali, introduciamo nel nostro corpo.
Gli oli essenziali sono infatti i principi attivi delle piante, presenti sotto forma di minuscole goccioline nei fiori, nelle foglie, nella buccia dei frutti, nella resina e nel legno di molte piante. Sono un potente e complesso condensato di informazioni, sono energia pura, concentrata, con in sé tutte le qualità terapeutiche della pianta da cui provengono.  
Assorbiti principalmente per via cutanea e olfattiva, gli oli essenziali stimolano infatti e risvegliano la nostra forza di autoguarigione, armonizzano le varie funzioni del corpo a livello fisico, emotivo e mentale, creando così un ponte tra mente e corpo.
Le possibilità degli oli essenziali sono infinite, perché infinite sono le combinazioni che si possono ottenere. Possono agire infatti sul nostro stato d’animo, influenzando il comportamento, raggiungendo la parte ancestrale del nostro essere e stimolando così risposte fisiologiche di benessere per l’organismo.  
Per attenuare problematiche di ansia e per stabilizzare il tono dell’umore sono particolarmente utili le essenze di camomilla, finocchio, gelsomino, ginepro, issopo, melissa, mirra, mirto, neroli, pino, rosmarino e di zenzero.
Per ottenere una distensione neuromuscolare, rilassarci e mantenere la concentrazione, sono indicati gli oli essenziali di arancio amaro, incenso, lavanda, maggiorana, mandarino, salvia e verbena.
Per aumentare la vigilanza e l’attenzione il limone e l’eucalipto risultano essere le essenze più efficaci.
L’olio essenziale di rosa e di vaniglia per aumentare la nostra disponibilità nei confronti del prossimo.
Ogni olio essenziale ha infine una caratteristica peculiare: la volatilità, cioè la velocità di evaporazione.
Il francese Septimus Piesse, nel diciannovesimo secolo, ne ha fatto una classificazione secondo le note della scala musicale:
Note di testa (alte): eucalipto, verbena, limone, arancio, mandarino, bergamotto, rosmarino. Sono le essenze molto volatili, con vibrazione alta e leggera. Favoriscono la concentrazione e la collaborazione.
Note di cuore (di centro): camomilla, ylang-ylang, melissa, neroli, lavanda, gelsomino, rosa. Hanno una volatilità media ed una profumazione intensa e dolce. Riequilibrano e agiscono sul cuore.
Note di base (basse): ginepro, cipresso, legno di rosa, sandalo, salvia, cannella. Essenze dal profumo intenso e caldo, poco volatili, inducono alla calma e favoriscono il rilassamento.

Bibliografia
Lucheroni M.T. (2003) “Curarsi con gli oli essenziali” - Ed. Riza
Lawless J. (1993) “Enciclopedia degli oli essenziali” - Ed. Tecniche Nuove
Valnet J. (2019) “Guarire con le essenze delle piante” - Ed. Demetra
Valussi M. (2013) “Il grande manuale dell'aromaterapia. Fondamenti di scienza degli oli essenziali” - Ed. Tecniche Nuove


#èunaltrAvventura


sembra strana… ma la viviamo lo stesso

tecniche naturali per fuggire dallo stress

di D. Brodesco, L. Galmarini, M. Minafra, L. Viola

PER ACQUISTARLO clicca qui

 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu