1369813359763141

Autismo - Disturbo dello Spettro Autistico - NO ALLO STRESS

Dr. Marcella Minafra, psicologa, psicoterapeuta cognitivo comportamentale
Vai ai contenuti

Autismo - Disturbo dello Spettro Autistico

Disturbi psicologici > Problemi età evolutiva

Il disturbo dello spettro autistico è una condizione correlata allo sviluppo del cervello che influisce sul modo in cui una persona percepisce e socializza con gli altri, causando problemi nell'interazione sociale e nella comunicazione. Il disturbo include anche modelli di comportamento limitati e ripetitivi. Il termine "spettro" nel disturbo dello spettro autistico si riferisce alla vasta gamma di sintomi e gravità.
Il disturbo dello spettro autistico include condizioni che in precedenza erano considerate separate: autismo, sindrome di Asperger, disturbo disintegrativo dell'infanzia e una forma non specificata di disturbo pervasivo dello sviluppo. Alcune persone usano ancora il termine "sindrome di Asperger", che generalmente si pensa che sia all'estremità lieve del disturbo dello spettro autistico.

Il disturbo dello spettro autistico inizia nella prima infanzia ed in seguito causa problemi sociali, a scuola e al lavoro. Spesso i bambini mostrano sintomi di autismo entro il primo anno. Un ristretto numero di bambini sembra svilupparsi normalmente nel primo anno, per poi passare attraverso un periodo di regressione tra i 18 ei 24 mesi di età quando sviluppano sintomi di autismo.

Sebbene non esista una cura per il disturbo dello spettro autistico, un trattamento intensivo e precoce può fare una grande differenza nella vita di molti bambini.

I bambini o gli adulti con ASD potrebbero:
  • non indicare oggetti per mostrare interesse  
  • non guardare gli oggetti quando un'altra persona li indica
  • avere problemi a relazionarsi con gli altri o non avere alcun interesse per le altre persone
  • evitare il contatto visivo e voler stare da solo
  • avere difficoltà a comprendere i sentimenti degli altri o a parlare dei propri sentimenti
  • preferiscono non essere tenuti in braccio o coccolati, o essere coccolati solo quando vogliono
  • sembrare inconsapevoli quando le persone parlano con loro, ma rispondono ad altri suoni
  • non saper come parlare, giocare o relazionarsi con le persone
  • ripetere parole o frasi dette loro al posto del linguaggio normale
  • difficoltà a esprimere i propri bisogni usando parole o movimenti tipici
  • non giocare a giochi di "finzione" (ad esempio, non fingere di "nutrire" una bambola)
  • ripetere le azioni più e più volte
  • problemi ad adattarsi quando una routine cambia
  • reazioni insolite al modo in cui le cose odorano, gustano, guardano, sentono o suonano
  • perdere le abilità che avevano una volta (ad esempio, smettere di dire le parole che stavano usando)

Un bambino o un adulto con disturbo dello spettro autistico può avere modelli di comportamento, interessi o attività limitati e ripetitivi, incluso uno qualsiasi di questi segni:
  • Esegue movimenti ripetitivi, come oscillare, girare o sbattere le mani
  • Svolge attività che potrebbero causare autolesionismo, come mordere o sbattere la testa
  • Sviluppa routine o rituali specifici e viene disturbato al minimo cambiamento
  • Ha problemi di coordinazione o ha schemi di movimento strani, come goffaggine o camminare sulle dita dei piedi e ha un linguaggio del corpo strano, rigido o esagerato
  • È affascinato dai dettagli di un oggetto, come le ruote che girano di una macchinina, ma non comprende lo scopo o la funzione generale dell'oggetto
  • È insolitamente sensibile alla luce, al suono o al tatto, ma può essere indifferente al dolore o alla temperatura
  • Non si impegna in giochi imitativi o fittizi
  • Si fissa su un oggetto o un'attività con intensità o concentrazione anormali
  • Ha preferenze alimentari specifiche, come mangiare solo pochi alimenti o rifiutare cibi con una certa consistenza

Il disturbo dello spettro autistico non ha una singola causa nota. Data la complessità del disturbo e il fatto che i sintomi e la gravità variano, le cause sono probabilmente molte. Sia la genetica che l'ambiente possono avere un ruolo:
  • Genetica. Diversi geni diversi sembrano essere coinvolti nel disturbo dello spettro autistico. Per alcuni bambini, il disturbo dello spettro autistico può essere associato a una malattia genetica, come la sindrome di Rett o la sindrome dell'X fragile. Per altri bambini, i cambiamenti genetici (mutazioni) possono aumentare il rischio di disturbi dello spettro autistico. Altri geni ancora possono influenzare lo sviluppo del cervello o il modo in cui le cellule cerebrali comunicano, oppure possono determinare la gravità dei sintomi. Alcune mutazioni genetiche sembrano essere ereditate, mentre altre si verificano spontaneamente.
  • Fattori ambientali. I ricercatori stanno attualmente esplorando se fattori come infezioni virali, farmaci, complicazioni durante la gravidanza o inquinanti atmosferici abbiano un ruolo nell'innescare il disturbo dello spettro autistico.

Le limitazioni che questo disturbo comporta ed i problemi con le interazioni sociali, la comunicazione e il comportamento possono portare a:
  • Problemi a scuola e con l'apprendimento
  • Problemi di occupazione
  • Incapacità di vivere in modo indipendente
  • Isolamento sociale
  • Stress all'interno della famiglia
  • Vittimizzazione e bullismo

Non c'è modo di prevenire il disturbo dello spettro autistico, ma ci sono opzioni di trattamento. La diagnosi e l'intervento precoci sono molto utili e possono migliorare il comportamento, le abilità e lo sviluppo del linguaggio. Tuttavia l'intervento è utile a qualsiasi età. Sebbene i bambini di solito non superino i sintomi del disturbo dello spettro autistico, possono imparare ad avere un buon funzionamento comportamentale.
Torna ai contenuti