1369813359763141

Ansia da separazione - NO ALLO STRESS

Dr. Marcella Minafra, psicologa, psicoterapeuta cognitivo comportamentale
Vai ai contenuti

Ansia da separazione

Disturbi psicologici > Problemi età evolutiva



Molti bambini provano ansia da separazione tra i 18 mesi e i tre anni, quando è normale provarla se un genitore esce dalla stanza o si allontana. Di solito i bambini possono essere distratti da questi sentimenti.
È anche comune che tuo figlio pianga quando viene lasciato per la prima volta all'asilo o all'asilo, ed il pianto di solito si attenua dopo essere stato coinvolto nel nuovo ambiente.
Se tuo figlio è leggermente più grande e non riesce a lasciare te o un altro membro della famiglia, o impiega più tempo a calmarsi dopo la tua partenza rispetto ad altri bambini, il problema potrebbe essere il disturbo d'ansia da separazione, che colpisce il 4% dei bambini. Questo disturbo è più comune nei bambini dai sette ai nove anni.
Quando si verifica il disturbo d'ansia da separazione, un bambino sperimenta un'ansia eccessiva lontano da casa o quando è separato dai genitori o da chi si prende cura di lui. Le sensazioni che prova per non stare con i propri cari sono nostalgia estrema e grande tristezza.
Altri sintomi includono il rifiuto di andare a scuola, al campetto o ad un pigiama party e chiedere che qualcuno rimanga con loro prima di coricarsi. I bambini con ansia da separazione comunemente si preoccupano delle brutte cose che potrebbero accadere ai loro genitori ed hanno spesso paura che qualcosa di terribile accada loro mentre sono separati.
Le manifestazioni principali del disturbo di ansia da separazione (DAS) sono:
  • Paure irrazionali di incidenti che potrebbero capitare alla figura di riferimento (FR)
  • Paure irrazionali di poter perdere la FR
  • Paura a star solo o senza la FR
  • Paura o rifiuto di andare a dormire senza la FR
  • Difficoltà o rifiuto ad andare a scuola
  • Presenza di sintomi somatici se separati dalla madre o FR

I fattori di rischio sono:
  • Conflittualità nella coppia genitoriale
  • Un genitore che minaccia il suicidio o l’abbandono della famiglia
  • Allontanamento dalla famiglia
  • Percezione del mondo esterno come luogo pericoloso e/o minaccioso
  • Un genitore che ha avuto un DAS
  • Presenza di Disturbi di Ansia in un genitore o nella rete familiare
  • Un genitore con vissuti di solitudine
  • Un genitore con atteggiamento pedagogico iperprotettivo

I fattori scatenanti potrebbero essere:
  • Lutto di un genitore , familiare , animale importante affettivamente
  • Separazione dei genitori o allontanamento di un genitore
  • Separazioni per motivi di salute
  • Trasferimento o immigrazione
  • Ingresso a scuola o cambiamento di scuola

Un intervento di Psicoterapia Cognitivo Comportamentale con il bambino consisterà in:
  • Alfabetizzazione emotiva
  • Strategie di fronteggiamento dell’ansia
  • Tecniche comportamentistiche: esposizione graduata, desensibilizzazione sistematica
  • Tecniche di rilassamento
  • Ristrutturazione cognitiva
  • Problem solving
  • Modeling da parte del terapeuta
Torna ai contenuti